Cinta romana di Aosta

Scheda di sintesi Cinta romana di Aosta

Cinta romana di Aosta prima del restauro Cinta romana di Aosta dopo il restauro

Nome oggetto

Cinta romana di Aosta

Breve descrizione

La cinta muraria di Augusta Praetoria formava un rettangolo di 724 m per 572 ed era costituita da uno strato interno di pietre fluviali e uno esterno di blocchi di travertino. Tratti in cui i rivestimenti sono ancora ben visibili: Via Carducci, via Carrel (in corrispondenza della stazione degli autobus), via Monte Solarolo, via Abbé Chanoux. In via Festaz, specialmente al suo incrocio con via Vevey, si possono vedere le brecce aperte nelle mura per il passaggio delle moderne vie cittadine.

Collocazione

La cinta muraria di Aosta delimita il perimetro del centro storico del capoluogo regionale della Valle d'Aosta.

Cenno storico

La cinta muraria che in epoca romana proteggeva Augusta Praetoria (antico nome della città) è giunta quasi intatta ai giorni nostri. Il rettangolo delle mura misurava 727,50 metri sui lati lunghi e 574 su quelli corti. Sul lato orientale del perimetro si apriva la Porta Praetoria, su quello occidentale la Porta Decumana. Sul lato nord si trovava la Porta Principalis Sinistra, sul lato sud la Porta Principalis Dextera. Tra le prime due correva il Decumanus Maximus, tra le seconde il Cardo Maximus. L'opera è costituita da un solido muro in malta cementizia e ciottoli di fiume spesso alla base circa 1,90 metri e rivestito verso l'esterno da blocchetti e lastre di travertino. In origine raggiungeva un'altezza di 6 metri e mezzo ed era rinforzato da contrafforti e da un muro di controscarpa, un parapetto delimitava il cammino di ronda.

Condizioni

Prima dell'intervento di restauro, che ha riguadato una porzione di mura su Via Vevey, successivamente su Via Carrel/Via Matteotti e successivamente su Via Torino, numerosi erano i fattori che influivano sullo stato di conservazione del reperto. In estrema sintesi, il deterioramento della cinta muraria di Aosta è dovuto a cause antropoche (uso della muratura come "cava" per la costruzione di edifici, apertura di brecce per consentire il passaggio di automezzi), oscillazioni termiche, presenza di sali solubili e fattori ambientali come le numerose alluvioni che hanno investito la regione causando un progressivo innalzamento del livello stradale. Tali fattori hanno causato una alterazione dei materiali derivato dall'azione combinata di corrosione e tensionamento meccanico.

Fruibilità

Sempre.

 

Vai all'immagine interattiva lavori su Via Carrel - lotto III

Vai all'immagine interattiva lavori su Via Carrel - lotto IV 

Vai all'immagine interattiva lavori su Via Carrel - lotto V 

 

 

Certificazioni

SOA Bentley

ISO 9001 QS


Privacy Policy
Copyright © 2017 Conservazione e Restauro S.a.s. di di Carlo Carlo Giuseppe & C. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.